giovedì 26 settembre 2013

LA GIOIA QUOTIDIANA DI ESSERE INFORMATI

E' vero. Negli ultimi mesi non ho scritto nulla su questo blog. Ma non è colpa mia. E' merito della televisione italiana e dei nostri giornali, che grazie a Dio ci tengono informati. Grazie al loro lavoro, scrivere un qualsiasi approfondimanto sarebbe superfluo, perché ci hanno racontato tutto quello che è accaduto nel mondo. Mi limito allora a fare un breve riassunto, basandomi su quello che ho letto e visto negli ultimi sei mesi:

domenica 9 giugno 2013

INCUBI RICORRENTI

Avete presente quei sogni che si fanno in stato di semi-incoscenza, dopo che la sveglia ha già suonato, mentre ci si rotola ancora un po' nel letto cercando di guadagnare ancora qualche minuto di sonno? Capita alle volte che in tale situazione si affollino, nell'arco di poco tempo, numerosi sogni o che lo stesso sogno si ripeta con ritmo incalzante. In quest'ultimo caso, è frequente che il sogno in questione assuma i connotati di un incubo, che ci ossessiona.

mercoledì 27 marzo 2013

ENTRO TEMPO MASSIMO

Terminata la farsa elettorale, mi ero ripromesso di srivere un post nel quale avrei esposto i motivi per cui odio il PD con tutto me stesso. Non sono riuscito a farlo nei primi giorni del dopo-voto, quindi, perso l'attimo, lo stimolo è scemato e nel frattempo sono comparse su internet centinaia di analisi che, sebbene si assestino su posizioni meno radicali delle mie, mi sento di poter condividere.
Contemporaneamente la mia attenzione veniva attratta sempre più dal Movimento 5 stelle e aumentava il desiderio di scrivere un pezzo su Grillo prima che fosse troppo tardi. Il tempo a dispozione era infatti poco, perché centinaia di analisi valide sarebbero presto comparse nella rete (non certo in tv o sui giornali): tra le poche ambizioni che ho, nello sviscerare le mie elucubrazioni in queste pagine, c'è quella di non ripetere cose scontate e già dette da altri.

venerdì 15 febbraio 2013

DEDICATO A CHI SI CHIAMA FUORI

Ho sempre nutrito un accorato e sincero odio per le campagne elettorali, anche ai tempi in cui riponevo qualche fiducia nel sistema di cui le elezioni sono l'espressione più grottesca.
I barbari che hanno devastato questo Paese stanno, in questi giorni, cercando di convincervi della loro innocenza, e indicano come responsabile dell'attuale situazione il rivale di turno che siede loro di fronte negli studi televisivi. Allo stesso tempo, vi garantiscono di essere in possesso della bacchetta magica, che risolverà ogni problema, e vi ammoniscono: se votate gli altri, la profezia dei Maya si realizzerà e il globo terrestre verrà distrutto.

giovedì 10 gennaio 2013

DESTRA E SINISTRA NEL 2013

AL BAR: SEI DI DESTRA O SINISTRA?
L'espressione “la distinzione fra destra e sinistra non ha senso” non me la sono certo inventata io un istante fa, ma è una vulgata che è sempre circolata e che negli ultimi tempi si può sentire molto frequentemente. A sinistra viene solitamente recepita con una certa diffidenza, per non dire aperta ostilità, in quanto nasconderebbe dietro di sé un concezione qualunquista, ovvero cripto-fascista. Questo perché, effettivamente, i fascisti alla vecchia maniera non si definiscono né di destra né di sinistra, ma semplicemente “fascisti”, mentre i fascisti del terzo millennio, cioè quelli di Casa Pound, scandiscono slogan del tipo “né rossi né neri ma liberi pensieri”. Facendo un passo indietro nel tempo, ricordiamo che Guglielmo Giannini, leader dell' “Uomo qualunque” nel secondo dopoguerra, era prodigo in affermazioni simili.

lunedì 5 novembre 2012

UN POPOLO ELETTO

Un post fugace per lasciare un link che si commenta da solo.
Mi auguro che ve lo ricordiate, quando in Tv sentite dire che "Israele è l'unica democrazia del Medio Oriente", oppure quando Monti, a nome di tutti gli italiani (compresi me e voi) dice a Nethanyau che il nostro Paese prova stima nei confronti dell'entità sionista.
Un sondaggio che vorrei far leggere a Gianfranco Fini che, continuando ad indossare la Kippah, è attualmente impegnato ad elogiare la memoria del "nazista" Pino Rauti.
Qualcosa non mi torna. Anzi, torna tutto fin troppo bene.....

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=38734

giovedì 1 novembre 2012

DEMOCRAZIA, CONSENSO ED ELEZIONI p.te 2°

Ancora una volta, l’intervento di Barreto si dimostra tanto stimolante da indurmi a pubblicare un nuovo post, e per questo lo ringrazio da subito. Sgombero subito il campo: il mio post era dettato dalla rabbia, perché sentito tirato in ballo dalla presunzione di Serra di negare a chi non vota il diritto di parola. Non era, il mio, un invito al non voto: non sono un vate né un funzionario di partito, per cui non ho alcuna pretesa di influire sulle scelte elettorali di chi frequenta questo blog.
Siamo d’accordo nel ritenere il sistema attuale basato, esattamente come i tanto vituperati totalitarismi del XX secolo, su due fattori: la necessità di mantenere il consenso da un lato, il controllo e l’assorbimento del dissenso (che come abbiamo visto in passato, alle volte può essere addirittura fabbricato ad arte) dall’altro.